Michele +39 339 442 6150    Serena +39 340 085 4144    info@canepastore.com
  

canepastore

ALLEVAMENTO AMATORIALE DEL PASTORE TEDESCO
   
  • Durante l'addestramento é necessario imprimere nell'animo del cane l'associazione (concatenazione) tra l'ordine del conduttore e l'esecuzione dell'esercizio che si ottiene con la sua ripetizione sempre alla stessa maniera.
  • Gli esercizi dovranno essere comandati sempre con lo stesso tono poiché il cane è incapace di comprendere il significato grammaticale delle parole, ma pone in rapporto l'esecuzione del comando con il tono della voce con cui viene impartito.
    Per ottenere movimenti rapidi vengono adoperati suoni brevi e taglienti, mentre quelli chi indicano azioni più prolungate richiedono comandi lunghi e toni meno secchi.
    Comandi emessi dal conduttore in stato di agitazione portano il cane ad eseguire gli esercizi con dubbio e confusione.
  • L'addestramento dev'essere graduale. Non si passa all'insegnamento di nuovi esercizi se il cane non ha ben capito quelli precedenti. Ogni desiderio di abbreviare e di stringere tempi porta irrimediabilmente al fallimento.
    Il cane ha bisogno "differire" ciò che ha appena appreso.
  • Lavorare con il cane a digiuno (da almeno 12 ore) preferibilmente prima del pasto il quale servirà come premio al termine della lezione.
  • Cambiare sempre il luogo delle lezioni. Nel territorio di casa il cane, in genere, non apprende mai bene a causa delle inevitabili distrazioni.
  • Le lezioni devono essere affrontate dal conduttore con la massima fiducia e massima serenità. Gli scatti d'ira e la pretesa di scaricare sul cane tutta la tensione della giornata o i familiari, portano immancabilmente al fallimento nell'addestramento. Se le condizioni di umore non fossero perfette e meglio rimandare la lezione ad un momento più propizio.
  • Le lezioni devono essere molto brevi e decise; le pause molto allegre. L'ideale sarebbe poter dedicare all'addestramento, 20 minuti al mattino e altrettanti al pomeriggio intervallati da una pausa di 3-4 minuti.
  • Quando il cane é stanco, é controproducente insistere con l'addestramento.
  • I movimenti del conduttore devono essere sempre energici e dinamici senza arrivare mai alle cattive maniere.
  • Gli ordini dovranno essere impartiti in modo imperativo, senza dilungarsi in lunghi dialoghi che l'animale non comprende. Ha molto più effetto un deciso "colpo di mano" che un inutile e fastidioso "urlo".
  • Agire con fermezza e metodo nella repressione.
  • Una carezza della mano dev'essere accompagnata da una carezza della voce.
  • C'é un tono particolare per i rimproveri diverso da quello per i complimenti; tutti e due diversi da quello per il comando.

    - Tono del comando: netto e preciso, senza ripetizioni. Deve rifletter una forte personalità e una costante autorità senza mai arrivare alla brutalità.
    - Tono del rimprovero: duro, imperioso, cattivo e minaccioso, molto diverso da quello del comando.
    - Tono del complimento: dolce, affettuoso, gioioso e accompagnato dalla carezza con la mano.
  • Mai porre fine all'addestramento prima che il cane abbia realizzato l'esercizio ordinatogli: consentire ciò anche una sola volta creerebbe successivamente un'abitudine di indisciplina molto difficile da eliminare.
© 2010 - 2019 canepastore allevamento amatoriale del pastore tedesco
0423-470075 Michele +39 339 442 6150 Serena +39 340 085 4144